20.2.12

I complottisti dell’era Facebook e le balle sull’UE

L’informazione in rete è libera. 
Purtroppo, però, l’altra faccia della medaglia è che anche le balle circolano libere.
Come visto alcuni post fa, dal rischio default l’obbiettivo preferito dalla mala-informazione strillona che dilaga come un contagio, soprattutto attraverso le pagine Facebook, è l’Unione Europea.

Il meccanismo è questo: apro una pagina e mi invento un nome che faccia presa (qualcosa tipo “Pirati web, informazione libera”). Dopo di che, in maniera totalmente anonima e senza il minimo controllo, diffondo come un untore notizie false, di parte, montate, inventate, demonizzando il “
regime di vampiri che ci ha derubati della democrazia”.

Ciò che più fa rabbia è proprio l’impudenza con cui gli amministratori di queste pagine operano: senza verificare mai la minima informazione prima di diffondere il panico tra gli ignari internauti.
E si permettono pure di sparare a zero su tv e sulla stampa, che sarebbe legittimo… se almeno pubblicassero i propri nomi, per sapere se chi scrive è un professore emerito, un disadattato paranoico o un ragazzino che gioca alla rivoluzione.

Se un giornalista riporta notizie senza verificarle lo fa a rischio del proprio posto di lavoro. 
Se lo fa un blogger rischia quantomeno la reputazione. 
Ma un amministratore anonimo di una pagina Facebook…cosa rischia? 
Nulla! Gli basta linkare una fonte, senza nemmeno controllarla, per avvalorare la propria lacunosa tesi senza dover rendere conto a nessuno.

Esistono due tipi di complottisti:

- I complottisti assoluti sono quelli che gridano allo scandalo ininterrottamente da quando hanno visto Zeitgeist. Per loro tutto è legato da un sottile filo. Le banche, la crisi economica, le scie chimiche, i maremoti, l’11 settembre, Monti… fa tutto parte di un disegno massonico-sionista che punta a dominare la Terra con il NWO, il Nuovo Ordine Mondiale.
Le sfumature non esistono e tutti hanno un secondo fine oscuro. Il mondo si divide in due categorie: da una parte i potenti che complottano, dall’altra i bravi cittadini inconsapevoli. Tutti eccetto loro, ovviamente: i complottisti dagli "occhi aperti” pronti ad illuminarti con la loro fumosa verità.

- I complottisti partigiani sono invece quelli al momento più diffusi. Del tutto simili ai primi, sono partigiani perché quasi tutti “orfani” di un’ideologia. Ci sono i paladini dei diritti a sinistra e i difensori del popolo a destra. Li accomuna l’essersi destati tutti insieme all’improvviso con la caduta di Berlusconi e l’insediamento di Monti e per questo hanno una visione ancor più approssimativa della realtà in cui viviamo. Si nascondono dietro i principi della sovranità monetaria e della democrazia diretta (sacrosanti) e il loro bersaglio principale è appunto Monti, attraverso la demonizzazione delle istituzioni europee.
Insomma, a questo esercito di gatekeeper improvvisati contro la propaganda dei potenti serve una controparte. E dato che Berlusconi e i comunisti ora sono sotto naftalina… tutti contro Monti! E contro l’Europa che ce l’ha imposto! 



Il paradosso di questo fenomeno è che i complottisti partigiani di sinistra stanno facendo il gioco delle destre reazionarie nazionaliste -o regionaliste- europee. Farglielo notare equivale a una bestemmia, anche quando arrivano a paragonare la libera Europa al Reich nazista.




Chi ci casca?

Appena insediato Monti scrissi che il Governo di emergenza e gli eventi che l’hanno reso "necessario" andavano spiegati ai cittadini disinformati dai media -o che non seguono la politica-, per non ricadere negli stessi errori una volta concluso il mandato di Monti.
Ed è proprio quello che sta accadendo. In molti si stanno lasciando convincere che siamo sotto occupazione straniera, mentre la realtà è che paghiamo la nostra mala politica degli ultimi 10, 15, 20 anni, come i cugini greci. 

L’opinione diffusa tra queste persone è che siamo commissariati illegittimamente -da massoni- e che rispetto al Governo Berlusconi-Scilipoti siamo meno liberi, quando è vero l’opposto.
Probabilmente (c’è da augurarselo), il fenomeno si esaurirà con le prossime elezioni, quando queste persone torneranno a votare i reali responsabili dell’attuale condizione dell’Italia o, nel migliore dei casi, non voteranno. In ogni caso, potranno tornare a prendersela con la casta locale, anziché rincorrere fantasmi fantapolitici alimentati dalla rete.





Come ironizza questo video, per avvalorare le teorie del complotto su Monti e l'Europa massonica ogni balla, bufala, boiata è lecita.

Voglio smontare brevemente le più clamorose in cui mi sono imbattuto:

2 commenti:

  1. ...magari è proprio LEI che dovrebbe informarsi un po meglio!!!! Ma per chi lavora?

    RispondiElimina
  2. Come per chi lavoro? Sono al soldo dei sionisti, è ovvio!

    RispondiElimina